Meteoclima

Portale di meteorologia e climatologia

The forgotten Milankovitch effect – Tides

The obliquity of the earth’s spin axis varies over a 41000y cycle between 24.5 and 22.2 degrees. The canonical work on calculating Milankovitch cycles has been done by J. Laskar and his team at the Observatoire de Paris[1]. Changes in obliquity have been the main driver for glacial cycles for over 2 million years. Larger obliquity increases summer insolation to both poles. Eccentricity and precession just modulate the seasonal balance at each pole. For the last 800,000 years obliquity alone has been insufficient to end glaciations, and the reason for this is still not fully understood.

Total-compare

Top graph: Obliquity and Eccentricity of the earth’s orbit for the last million years ( Laskar2010 ). Bottom graph shows just how small eccentricity affects net annual insolation.

However, increased obliquity has another effect. It changes the amplitude of the lunar orbital precession. The lunar orbit is inclined at 5 degrees to the solar ecliptic and precesses with

Articolo in lingua inglese del collaboratore prestigioso Fisico e climatologo UK Dr.Clive Best pubblicato sul suo blog http://clivebest.com/blog/?p=7278 dove presenta la nostra ricerca climatica mondiale unica nel suo genere, sulla correlazione fra Tides e Jet Stream, con l'importantissima scoperta di anticorrelazione fra picchi gravitazionali e valori della Artic Oscillation, sotto la direttrice del Polar Vortex JS., con un propagamento di effetto del JS sotto i picchi della forza gravitazionale da 1 a 5 gg.  Una grande soddisfazione personale di avere finalmente la ricerca con una pubblicazione scientifica a livello mondiale sulla rivista internazionale peer review IJEGE della UNiversità la Sapienza di Roma(Scienza della Terra). Una ricerca scientifica sul clima e la meteorologia la prima al mondo pubblicata sulla correlazione fra forza gravitazionale (Tides) e componente  a  getto (Jet Stream).

 

Evidence of a tidal effect on the Polar Jet Stream

 

Preamble: Our  paper has finally been published in Italian Journal of Engineering Geology and Environment. It proved to be controversial with ACP, but I am 95% certain that lunar tides affect both weather and medium term climate.

C.H. Best and R. Madrigali

Abstract

Variations in the Polar Jet Stream directly affect weather across Europe and North America (Francis et al., (2012)). Jet Stream dynamics are governed by the development of planetary Rossby waves (Dickinson, (1978)) driven by variation of the Coriolis force with latitude. Here we show that increasing atmospheric tides can induce the development of Rossby waves, especially during winter months. This changes the flow and position of the Jet Stream, as measured by the Arctic Oscillation (AO) (Higgins 2002). Although horizontal tidal forces are tiny (107 smaller than gravity), they act over vast areas dragging the Jet Stream flow southwards in regular pulses as the earth rotates. This induces a changing Coriolis torque, which then distorts the Jet Stream flow. The data from eight recent winters are studied indicating that the AO is anti-correlated to the horizontal “tractional” component of tides acting between latitude 45N and 60N. The observed 28 day cycle in Jet Stream flow and extent has a statistical significance > 99%. A cross-correlation between all daily AO data since 1950 and the tractional tidal strength shows a small but statistically significant anti-correlation with a lag time of ~5 days. The strongest correlation and largest excursions of the AO are observed during winter 2005/6 – a maximum lunar standstill year. This declination dependence of tidal forces at high latitudes is the proposed cause of many previous reports of an 18.6-year dependence of continental rainfall and drought (Currie, 1983/84).

1        Introduction

Varying tidal forces act both on the oceans and atmosphere particularly at high latitudes. A detailed study (Lindzen, 1981) of atmospheric tides finds that gravitational lunar tidal winds are more important at high altitudes. The horizontal or so called “tractional” component of net tides is responsible for tidal currents in the ocean and for tidal winds in the upper atmosphere. During northern winters the Jet Stream strengthens and shifts northwards. Meanders or Rossby waves (Dickinson 1978) develop near the eastern edges of continental landmasses and oceans. Solar insolation falls each winter to zero inside the Arctic Circle and consequently the diurnal solar ‘expansion’ tide disappears over Polar Regions. Gravitational atmospheric tides now dominate near the poles.

There are two ‘spring’ tides each sidereal month, namely that coincident with the new moon and that coincident with the full moon. Seasons modulate the difference between both spring tides depending on latitude. The larger the latitude the larger is the asymmetry during the summer or winter solstice. At the equator both spring tides are always equal, but for the northern hemisphere the new moon tide is largest during winter, whereas that coincident with the full moon is largest during summer. Twice a year at the spring and autumn equinoxes both spring tides are approximately equal at all latitudes. This seasonal change causes a 6 monthly phase shift of ~14 days in the maximum tractional tidal force. Superimposed onto this is an 18.6 year cycle of the lunar precession which modulates the latitude dependence of this amplitude. The tractional tidal force therefore varies in magnitude, latitude and time, and so is not a single frequency harmonic.

Winter storms in the North Atlantic form at the interface where warm Gulf air meets cold Polar air near Newfoundland. This temperature gradient produces baroclinic instability spawning storms that move westward across the Atlantic. The track of these storms follows the Jet Stream and their impact on Europe depends both on their strength and the relative position of the Jet Stream (Francis, 2012). Previous studies (Currie, 1983, Agosta, 2014, Currie, 1934, Clegg, 1984) have shown an 18.6-year cycle in rainfall across large continental zones implying a dependence of storm formation on the lunar precession. Others have speculated about a tidal influence on climate over decadal timescales (Ray 2007). Changes in lunar declination through the 18.6-year cycle mainly affect the strength and sidereal rate of change of tidal forces with latitude.

The cold winter of 2010 resulted from a Jet Stream positioned below the UK drawing cold air down from the North and East. A negative value of the North Atlantic Oscillation (NAO) is related to a negative AO (Thompson, 1998) and corresponds to a low-pressure difference between the Icelandic Low and the Azores High resulting in a weaker Jet Stream with larger meandering loops. This allows cold air to spill down from the Arctic and Siberia into mid latitudes. During the winter of 2013/14 a strong Jet Stream was positioned directly over the UK and a string of powerful storms caused extensive coastal flooding. It was striking how several of these storms also coincided with high spring tides, for example those of December 5th 2013 and January 5th 2014.

Saluto l'amico Bernardo Mattiucci quale amministratore del portale "Attività solare" sulla scienza del clima, astronomia e la meteorologia; blog con notizie sempre oggettive e precise riguardo i cambiamenti climatici naturali e l'esatta informazione sulla scienza del clima .
Sono lieto ed entusiasta di divulgare il link dell'articolo sulla importante VALIDAZIONE con il processo PEER REVIEW dell'articolo scientifico sulla ricerca sul Tides/Jet Stream e la sua influenza sul clima e la meteorologia, pubblicato recentemente sulla rivista internazionale IJEGE della prestigiosa Università la Sapienza di Roma. Una innovativa e unica ricerca scientifica sui cambiamenti climatici naturali e gli eventi estremi collegati.
E' giunta l'ora di aprire la porta alla esatta informazione sulla scienza del clima e la meteorologia, vincolata a rigore scientifico e alla importanza dell'influenza astronomica sul clima e gli effetti sugli eventi atmosferici.
Rammento che la ricerca nata in Italia, precisamente a Grosseto, all'osservatorio astronomico comunale di Grosseto-Roselle /Amsa Grosseto , ha il prestigio internazionale di aver avuto una collaborazione rilevante con l'UK e il noto fisico e climatologo Dr. Clive Best e tanti importanti collaboratori, culminati con l'appoggio della importante università della Sapienza di Roma. Una grande soddisfazione personale e una grande contributo alla divulgazione/dissemination della cultura scientifica e divulgativa nelle scuole e nella società (per tutti).Di seguito la prima parte dell'articolo, accessibile aL LINK SEGUENTE >evidenze di un effetto di marea sul polar Jet Stream

"Roberto Madrigali e il climatologo inglese Clive Best, hanno portato avanti una ricerca fondamentale per la comprensione delle dinamiche alla base delle evoluzione del Polar Jet Stream. La ricerca, proposta dall’italiano Roberto Madrigali, è stata appoggiata sin da subito dal climatologo, che ne ha compreso le potenzialità e l’importanza. I soliti ostacoli, per lo più italiani, hanno rallentato il corso della pubblicazione. Alla fine, però, il tanto atteso riconoscimento accademico è arrivato. La ricerca è, ora, Peer Review e questo segna non solo un’importante successo per Roberto e Clive, ma anche e soprattutto per quanto riguarda la ricerca scientifica in ambito climatico.

 

Qui di seguito riporto la versione in italiano dell’abstract e il link alla pagina dell’Italian Journal of Engineering Geology and Environment, rivista scientifica dell’Università La Sapienza di Roma."

Le parole dell'amico Bernardo Mattiucci fanno da presentazione alla pubblicazione dell'abstract in italiano della ricerca scientifica, con il link di tutto il paper in inglese. Rammento che è la prima ricerca scientifica sul clima e la meteorologia che tratta di parametri astronomici, con lo specifico della forza mareale/gravitazionale quale effetto combinato della Luna con il Sole e la Terra. Lo stesso collaboratore inglese Dr. Clive Best ha scritto in uno dei tanti articoli pubblicati sulla nostra ricerca " Roberto Madrigali  was one of the first to propose a connection between lunar tides and weather"...........

EVIDENCE OF A TIDAL EFFECT OF THE POLAR JET STREAM

Clive H. Best - Independent scientist
Roberto Madrigali - Independent scientist   

Con mia grande soddisfazione personale come  quella del mio collaboratore Dr.Clive Best in UK quale prestigioso climatologo e fisico inglese, posso finalmente divulgare che la ricerca sulla scienza del clima e la meteorologia sulla forza gravitazionale e il Jet Stream è ufficialmente ricerca scientifica mondiale, avendo avuto il secondo processo peer review "positivo" alla prestigiosa Università la Sapienza di Roma alla rivista internazionale IJEGE "Italian Journal of Engineering Geology and Environment".

La rivista è pubblicata con il contributo della Sapienza Università di Roma e sotto gli auspici della sezione italiana della International Association for Engineering Geology and the Environment (IAEG).

 

Italian Journal of Engineering Geology and Environment è inserito nei principali database di letteratura scientifica quali DOAJ (Directory of Open Access Journals - dal 2009) e SciVerse Scopus Elsevier (dal 2011 - vedi indici Journal Metrics della rivista), il più ampio database di abstract e citazioni relative a letteratura peer-reviewed.

Il link diretto alla ricerca scientifica pubblicata con esito positivo al processo peer review è questo link > IJEGE

Di seguito leggerete l'abstract in italiano della innovativa ricerca scientifica sulla forza gravitazionale Luna>Sole>Terra e la sua influenza mareale sul flusso Troposferico (JS), un prestigio mondiale di una ricerca nata in Italia che ha avuto subito l'interesse forte dall'UK con la collaborazione importante e prestigiosa di Clive Best e di seguito con l'apertura importantissima della titolata e importante Università mondiale per la ricerca quale la Sapienza di Roma Scienza della Terra.

lun saluto cordiale a tutti gli utenti, inizio nuovamente l'aggiornamento del portale meteoclima, dopo un periodo di fermo dovuto alla stesura della ricerca scientifica sul Tides/Jet Stream pubblicata in ACPD sotto prima peer review che ha dato un primo esito non favorevole della pubblicazione.

Comunque in questo primo processo di peer review l'esito è stato rilevante, poiché il paper "Observation of a tidal effect on the Polar Jet Stream " C. H. Best and R. Madrigali e' stato ammesso sulla rivista internazionale Atmospherics Chemistry and Physics e pubblicato per diversi mesi sul forum di discussione mondiale ACPD, insieme a tanti altri documenti internazionali di alto livello scientifico.

Rammento per tutti gli interessati al processo di revisione scientifica del  nostro paper, che attualmente risulta da tempo sotto nuova peer review anonima, e che sarà comunicato l'esito e la rivista scientifica autorizzata alla revisione del paper, solo a conclusione di tutto il processo di revisione.

 

 

 

L’ECOLOGISMO È MORTO. MA QUANTO CI È COSTATO....."Dr.Battaglia"

 

L’ecologismo è morto e sepolto. Ma non da ieri. Il voto sulle trivelle ha solo confermato una verità che vale da tre lustri. Non so se rammentate, ma nel 2001 gli italiani cacciarono i Verdi dalle aule dei parlamenti nazionale ed europeo.

Seguirono anni quasi felici: nessun verde a rappresentare nessuno, per i successivi 5 anni. Il governo Berlusconi riuscì così a far qualcosa,o almeno ci provò, col ministero dell’ambiente tornato entro i limiti della razionalità.

Per esempio, mi piace ricordare che evitò lo sperpero di 30 miliardi di euri, la somma che gli ecologisti pregustavano di gestire per interrare i cavi di trasmissione elettrica. Mi piacerebbe ricordare dell’altro, ma non è facile. D’altra parte, l’ecologismo irrazionale e autolesionista non alligna solo tra i Verdi dichiarati, e fatti fuori questi non è un motivo per dormire sonni tranquilli

Cambiamenti climatici e rischi naturali - incontro alla Università la Sapienza di Roma "scienza della Terra" per la presentazione della Ricerca scientifica Tides/JS

 

La Fondazione Roma Sapienza ha promosso l’incontro pubblico "Cambiamenti climatici e rischi naturali. Analisi e stato delle conoscenze" sulle tematiche Climate Change e il Global Warming, che si è tenuto lunedì 14 dicembre 2015 alle ore 16.00, presso l’aula “Sergio Lucchesi” all’interno del Dipartimento di Scienze della Terra della Sapienza Università di Roma.
Il cambiamento climatico globale è sicuramente un tema che attualmente trova sempre maggiore spazio nei media, costantemente presente nelle prime pagine dei giornali, dove spesso sono annunciati "scenari catastrofici". In un Paese come l'Italia, caratterizzato da elevati livelli di rischio naturale (frane inondazioni, erosione costiera, ecc.), le ipotesi che portano alla costruzione dell'equazione "aumento dei danni e dei morti = crisi climatiche e Global Warming" rischiano di creare forti disagi a quanti si battono per definire quelle corrette azioni, politiche e culturali, di mitigazione dei rischi basate sul binomio previsione-prevenzione.
Ai saluti del Magnifico Rettore Eugenio Gaudio, sono seguiti gli interventi di Alberto Prestininzi, docente di Rischi Geologici della Sapienza Università di Roma, Massimo Frezzotti, ricercatore ENEA e glaciologo, Roberto Madrigali, meteorologo, ricercatore indipendente.
I tre relatori impegnati nell'incontro hanno affrontato questi temi ponendo al centro della loro comunicazione i dati e le evidenze sperimentali, separando in modo netto dati e opinioni/ipotesi di ricerca, cercando di evidenziare come la nascita di due schieramenti opposti tra "catastrofisti", da un lato, e "scettici", dall'altro, non porterà nessun contributo alla soluzione di questo problema.

La giornata è stata importantissima e storica, poiché rappresenta  con grande soddisfazione, l'apertura della Università italiana rilevante come la Sapienza di Roma "dipartimento Scienza della Terra" alla ricerca scientifica sul Tides/JS.

Seguiranno altri seminari e informative scientifiche alla Sapienza di Roma, sulla ricerca innovativa e rivoluzionaria Tides/JS sulla scienza del clima e la meteorologia nel corso del nuovo anno, già dal mese di gennaio, e vi terremo informati sugli eventi previsti.

Purtroppo il confronto con L'Enea e Massimo Frezzotti non ha favorito una collaborazione costruttiva , ma solo la conferma di un muro ideologico catastrofista, che alimenta

 

A inizio anno via Skype (1 gennaio IN APERTURA di trasmissione) sarò su RAIUNOmattina a darvi gli auguri e parlare del ghiacciaio Ripimo Glacier in forte avanzamento (alla faccia dei catastrofisti), a illustrare la ricerca scientifica sul Tides e darvi spiegazioni SCIENTIFICHE del perché del periodo siccitoso avuto per quasi tutto Dicembre, con le proiezioni meteorologiche per Gennaio! AUGURI a tutti di un fortunato 2016......

La ricerca scientifica sul Tides/JS e le proiezioni dell’inverno 2015-16: Aspettiamoci un inverno marcato.

La ricerca scientifica sul Tides (forza mareale/gravitazionale) e il disturbo in propagazione sul Jet Stream (corrente a getto della libera atmosfera) sta  sempre più convincendo ricercatori scientifici internazionali e ultimamente con grande soddisfazione, si è finalmente aperta alla ricerca scientifica, anche l’università italiana.

Il Jet Stream è sempre stato poco considerato nella ricerca sulla scienza del clima e la meteorologia, e in questi ultimi decenni, la roboante causa ambientalista pro GW sui cambiamenti climatici legati all’aspetto antropico, ha per così dire “imbavagliato” ogni altra alternativa scientifica.

Naturalmente mi preme rimarcare che la nostra ricerca scientifica sul Tides ed effetti astronomici in propagazione sul Jet Stream, non mette in discussione l’importanza della ricerca sull’ambiente per la riduzione degli “agenti inquinanti” e del dissesto idrogeologico, ma pone in risalto l’urgenza di aprire ricerche alternative sul clima per studiare con nuove prospettive scientifiche i cambiamenti climatici.

Studio ghiacciaio Drolamabu e Ripimo Glacier confermano un avanzamento significativo glaciale.

La spedizione del Team Explora Extreme Malangur Expedition 2015 –Rowaling Himalaya con il capo esploratore e presidente Davide Peluzzi, è rientrata in Italia, portando notizie importanti climatiche sullo stato di salute dei ghiacciai della zona.

La spedizione esplorativa aveva il compito importante di monitorare e fare ricerca climatica della zona del Rowaling con l’ausilio per le riprese video anche con due droni, che hanno registrato lo stato glaciale del Drolambau e Ripimo Glacier.

InizioIndietro12345AvantiFine
Pagina 1 di 5

Login

Libro Sulla Tesi Madrigali e Scoperta Rivoluzionaria

Osservatorio Astronomico di Grosseto

Energia & Clima

Clima/Glaciologo-geologo

WORLD METEOROLOGY AND CLIMATE