Meteoclima

Portale di ricerca meteorologica e climatica

Antartico che oramai infrange record a distanza di giorni: global cooling sempre più una realtà.

 

Ultimamente nella emittente privata toscana TV9 Teleitalia (Telemaremma) visibile in tutta la Toscana e Liguria come nell’alto lazio,dove effettuo previsioni meteorologiche giornaliere in video, sto rimarcando frequentemente riguardo le informative mondiali sul clima, sui record “polverizzati” dal pack Antartico in questi ultimi anni del nuovo millennio.

Una situazione climatica veramente allarmante, quella palesata sul continente Antartico, dove nonostante la storiella fantasiosa del GW antropico e lo scioglimento progressivo dei ghiacci Antartici, si sta riscontrando l’effetto “opposto” con una forte espansione del pack.

Si palesa con sempre più virulenza, osservando il grafico della estensione del pack stagionale rispetto alla media trentennale, record battuti senza sosta a distanza di pochi giorni, evidenziando un crescente e allarmante processo di raffreddamento in azione sul continente Antartico.


 

 

Analisi e previsione: . La forza gravitazionale sta favorendo il proseguimento di una estate non conforme al periodo, con molti alti e bassi atmosferici e pressante instabilità alternata a brevi periodi di stabilità. Non per niente, in questo periodo estivo 2014, sono stati e saranno presenti vari picchi record di picco forza, confermando l'importanza della ricerca e della scoperta del Tides! per cui molta instabilità temporalesca che permarrà sull'Italia specie ore centrali su tutti i rilievi specie del Centro_nord, con disturbi sparsi anche sulle fascie costiere, confermando una situazione estiva decisamente anomala. Riguardo i soliti commenti sul clima, direi di non farsi illudere da commenti catastrofici considerando gli effetti presunti antropici (AGW) ma ragionando a normali oscillazioni in seno al JS comandate dalla forza gravitazionale e il flusso troposferico, in un contesto generalizzato di processo degenerativo termico (raffreddamento) che sta dando effetti sempre più eclatanti in propagamento dalle alte latitudini. Rammento sempre con decisione, l'Allarmante  situazione di raffreddamento in costante progressione, presente in Antartico, che sta proseguendo senza sosta! e con valori da RECORD!

 

Roberto Madrigali teasm Explora

esperto clima-microclima/analista modelli matematici

Una nuova Piccola Era Glaciale ha iniziato il suo ciclo: attenzione agli effetti collaterali.

 

Oramai giungono segnali inequivocabili che stanno annunciando un nuovo periodo degenerativo climatico, eventi atmosferici  chiari ed ineluttabili davanti agli occhi di tutti, e per sincerarsi di questo basta solo esplorare il web, dove si moltiplicano i processi di forte freddo, neve, gelo e intense precipitazioni su vaste aree globali, dove il caldo e la siccità sono le eccezioni, non la regola.

La lista degli scienziati che si stanno allineando al pensiero di raffreddamento globale sta aumentando anno dopo anno, specie sotto i colpi meteo climatici che, oramai sempre più decisi da parte della natura,  stanno accelereranno con sempre più virulenza verso gli estremi atmosferici.

Chi mi segue con costanza e continuità, saprà che con la mia teoria climatica sui cambiamenti climatici non antropici, fui il pioniere a divulgarla dalla fine anni ’90 agli inizi degli anni 2000 e sono sempre stato “la voce fuori dal coro”.

Il pianeta si sta avviando verso un raffreddamento, la nuova era glaciale è prossima.

 

Erano gli anni 80’/’90 quando ho cominciato ad avvicinarmi con più decisione verso la comprensione del grande meccanismo climatico terrestre, con la consapevolezza che non sarebbe stato tutto così scontato.

Il riscaldamento globale stava sempre più prendendo il sopravvento e si moltiplicavano gli interventi di scienziati e giornalisti su una prossima catastrofe climatica, che ci avrebbe portato gradualmente, verso un desertificazione e aumento incontrollato delle temperature globali.

Ma questo catastrofismo non mi ha mai convinto più di tanto e qià nella fine degli anni ’90 avevo la consapevolezza che lo studio approfondito sul Jet Stream e le cause astronomiche, mi avrebbero dato risposte più adeguate. Queste risposte non si sono fatte attendere e gradualmente il nuovo millennio ha completamente stravolto il quadro meteo climatico.

XXXIX Incontro Macroproblemi 2014

9 maggio 2014 FESTA DELL’EUROPA

con il Patrocinio della Commissione Europea

e con l’Adesione della Presidenza della Repubblica

 

Sala Conferenze,  Biblioteca Nazionale Centrale, viale Castro Pretorio 105 Roma

 

1) A partire dall’Educazione alla Sostenibilità Ambientale

Gli Incontri Macroproblemi che si sono effettuati per 38 anni, hanno avuto come scopo prioritario la diffusione della conoscenza dei grandi temi mondiali fra i giovani con la collaborazione delle istituzioni scolastiche che hanno permesso una informazione capillare.

Oggi, la crescita della domanda di interventi di educazione alla sostenibilità ambientale, è legata al diffondersi della consapevolezza che essa, soprattutto, possa fornire un contributo alla soluzione del conflitto tra gli attuali modelli di sviluppo e l’esistenza di un ambiente compatibile con la sopravvivenza umana, e di tutte le altre specie viventi.

Il sistema scolastico attuale, poiché prevalentemente trasmissivo, permette di svolgere specifici, quanto pertinenti, interventi di didattica, rilevando e descrivendo le leggi e le interazioni che sono alla base del funzionamento del sistema ambiente. Ma, per completare l’educazione in questo ambito, è necessario calarsi  nell’ambiente, e questo è meno agevole, spesso  a causa difficoltà organizzative, logistiche, e non ultime, economiche.

Forza mareale che conferma la sua potenza previsionale: considerazioni e proiezioni future.

 

Il mio libro sulla ricerca climatica e la scoperta rivoluzionaria è oramai fruibile per tutti in italiano e inglese rispettivamente da ottobre e novembre, in un documento importantissimo, poiché mette in luce il vero meccanismo meteo climatico terrestre.

Il gelo e la neve che abbiamo avuto precocemente a  fine novembre 2013 sul Centro-Sud a quote collinari come in pianura, è ancora vivo nelle immagini presenti su web, indelebili, che stanno a dimostrare la validità della forza mareale, con una proiezione atmosferica centrata da mesi, emessa nel finire dell’estate.

Come rimarcato da tempo, avevo anticipato da mesi di una partenza di calendario precoce del generale inverno, che avrebbe dato gelo e neve in area Italica, e infatti  l’evento record per una terza decade di novembre è stato ampiamente rispettato.

Domenica, 24 Novembre 2013 23:41

THE FUTURE OF THE EARTH IS WRITTEN ON THE MOON

Scritto da

THE FUTURE OF THE EARTH IS WRITTEN ON THE MOON

A revolutionary book

A fascinating unconventional piece of research which proves the Global Warming dogma wrong

explains the real functioning of the Great climate machine of the Earth

announces the real danger of an immiment new glacial Era

warns human beings to respect the environment and the superior force of Nature

 

 

 Are we really going towards the global warming without return? Is the industrial pollution changing the climate on the Earth so much that it can determine the thawing of the eternal glaciers, the increase of the oceans and an irreversible catastrophe? Does the destiny of the world really depend on the Global Warming?

IL FUTURO DELLA TERRA E’ SCRITTO NELLA LUNA

Un libro rivoluzionario

Un’affascinante ricerca scientifica fuori degli schemi che smentisce il dogma del Global Warming

spiega il reale funzionamento della Grande macchina climatica terrestre

annuncia il rischio concreto di un’imminente nuova Era glaciale

ammonisce  l’umanità a rispettare l’ambiente e la forza superiore della Natura

 

Stiamo davvero correndo verso il surriscaldamento senza ritorno? Davvero l’inquinamento industriale sta cambiando il clima sulla Terra fino a determinare lo scioglimento dei ghiacci eterni, l’innalzamento degli  oceani e un’irreversibile catastrofe? Davvero il destino del Mondo è segnato dal Global Warming?

Roberto Madrigali, meteoclimatologo “di provincia”, affiancato da un’équipe di autorevoli studiosi e sostenuto da un’impressionante mole di evidenze scientifiche, è convinto di no. E dopo anni di ricerche semiclandestine, suffragate dai fatti ma ignorate da una grossa fetta della comunità scientifica internazionale, mette nero su bianco risultati e prospettive del suo lavoro in un libro che chiunque consideri il  dubbio cartesiano il motore  dell’umana conoscenza dovrebbe leggere con attenzione.(segue testo)

Mercoledì, 11 Dicembre 2013 13:57

TOH, ORA IL MONDO STA CONGELANDO "Dr. F. Battaglia

Scritto da

TOH, ORA IL MONDO STA CONGELANDO "Dr. F. Battaglia"

 

Uno dei più esilaranti fenomeni degli ultimi vent’anni è la pletora d’individui che sdottorano sul clima. Non so se rammentate quando Mario Tozzi, il geologo-showman televisivo, si faceva riprendere dalle telecamere di Rai3 mentre remava in barca nella piazza del Duomo a Milano inondata dalle acque. Avvertiva che quella sarà la Milano fra pochi anni come conseguenza del riscaldamento globale.

 

Tozzi non è il solo a prender granchi: più illustre compagnia gli fanno quelli dell’Ipcc, gratificati addirittura del premio Nobel. Vabbè che non fu per la scienza – né poteva esserlo, per mancanza di scienza – ma pur sempre Nobel fu. Questi rumorosi e pluridecorati individui che straparlano di clima non sono però una novità. Nel 1977 il Time avvertiva dell’imminente pericolo di raffreddamento globale, visto che era dal 1945 che il clima del pianeta si stava raffreddando. La preoccupazione era ingiustificata, l’allarme ancora meno, ma fu lanciato lo stesso: costa poco e rende molto, lanciare allarmi.

Lunedì, 30 Settembre 2013 23:08

Riscaldamento globale antropogenico

Scritto da

RISCALDAMENTO GLOBALE ANTROPOGENICO"Dr.Franco Battaglia

 

La congettura del global warming antropogenico (AGW) risale a un secolo fa, e nel corso degli anni, fino ad oggi, è stata più volte riproposta. Fu una congettura ragionevole e semplice: è da un secolo che l’uomo, bruciando combustibili fossili, immette anidride carbonica (CO2) in atmosfera, la CO2 è un gas serra, nell’ultimo secolo il pianeta è stato più caldo che nel recente passato, ergo fu avanzata l’ipotesi che le emissioni antropiche sono responsabili di questo cambiamento climatico.

 

Allo scopo di controllare la validità dell’ipotesi, l’Onu ha istituito un organismo – l’Ipcc – che non è scientifico, ma è politico, nel senso che i suoi membri sono nominati dai governi. L’Ipcc assume l’ipotesi vera (così è esplicitamente scritto nel suo statuto) e ha proceduto raccogliendo tutte le circostanze che confermano l’ipotesi (principalmente le risultanze da modelli di calcolo). La procedura adottata ha indotto l’Ipcc a scegliere selettivamente le risultanze a favore della ipotesi da provare.

InizioIndietro12AvantiFine
Pagina 1 di 2

Login

Libro Sulla Tesi Madrigali e Scoperta Rivoluzionaria

Osservatorio Astronomico di Grosseto

Energia & Clima

Clima/Glaciologo-geologo

WORLD METEOROLOGY AND CLIMATE